Pages Navigation Menu

Most Recent Articles

6° Meeting Nazionale di Fotografica UCOP 2016 – Castelmola (ME)

Posted on Jun 4, 2016

Tutti i fotoamatori, dal principiante al più esperto, i fotografi professioisti, tutte le Associazioni Culturali siciliane sono invitate a partecipare all’evento completamente gratuito. Link Evento: https://www.facebook.com/events/471980829675789/

Per maggiori informazioni e prenotazioni scrivere a: ucop2016@canonclubitalia.com

Il Museo del Castello di Mola è il museo della città di Castelmola, sito presso il Castello di Castelmola di cui restano i ruderi. Posto nel punto più alto della cittadina offre un  panorama a 360° che spazia dallo stretto di Messina all’Etna.

Il Museo, che dal 2015, dopo diversi anni di chiusura, è stato riattivato dalla amministrazione comunale con la finalità di Centro per le Arti Contemporanee ed affidato alla gestione dell’ associazione culturale Art Promotion Taormina.

Dal maggio 2015 l’associazione organizza la Rassegna “Luci & Miti al Castello” che vede la realizzazione di mostre di arte contemporanea, pittura, scultura e fotografia, incontri culturali, presentazioni di libri e  workshop.

Durante la stagione espositiva viene visitato da una media di 300 persone al giorno che ne apprezzano gli eventi e approfittano per godere del panorama offerto dalle diverse terrazze e giardini del Castello.

Una grande sala espositiva accoglie lo spettatore che può, oltre ad ammirare le opere esposte fermarsi a godere di video nello spazio preposto, oppure passare nella saletta lounge dove divani e sedute lo accolgono in un bookshop dotato di ampie vetrate con la vista del mar jonio, la piazza principale della città e di Taormina appena sotto.

Castelmola, cittadina aderente a “I Borghi più belli d’Italia” offre, grazie anche al Museo del Castello di Mola una programmazione culturale di alto livello dedicata alla valorizzazione del territorio e all’offerta turistica del comprensorio.

ucop-2016-castelmola2

Commenti
Read More

I trucchi del reportage svelati in un libro pubblicato in America. L’autore? Un fortografo italiano.

Posted on Feb 24, 2016

Sta per uscire negli Stati Uniti un libro sul reportage scritto da un fotografo Italiano. Centoventotto pagine fitte di consigli “brutalmente pratici”, suggerimenti e trucchi del mestiere su come organizzare, scattare e vendere un servizio foto-documentarista. Abbiamo visto in anteprima alcuni capitoli e dobbiamo dire che è veramente ben fatto: in ogni pagina si trovano indicazioni molto utili a proposito di tutti gli aspetti che possano venire in mente e, soprattutto, su ciò a cui rischiamo di non pensare! E poi indicazioni su come sviluppare un’idea in modo che sia anche commerciale, soluzioni tecniche, spunti per la composizione, suggerimenti per fare i bagagli o per trovare contatti utili, consigli per ottimizzare i tempi, risparmiare, scattare e selezionare le immagini adatte ad una redazione. C’è anche un capitolo sui video ed uno, interessantissimo, che elenca i pro e i contro di alcuni siti che aiutano a vendere le proprie foto alle testate di tutto il mondo. Insomma un concentrato di tutto quello che un bravo reportagista dovrebbe sapere e che in genere si impara solo con tanta esperienza e dopo tanti errori.

Photojournalism_Cover-enzo-dal-verme1

Il fotografo è Enzo Dal Verme, le sue fotografie sono state pubblicate dalle più importanti testate: da The Times a Panorama a Vanity Fair e molte altre. Ma come mai il libro è pubblicato da una casa editrice americana e non in Italia? Incuriositi, lo abbiamo chiesto proprio a lui:

Ho scritto la prima versione del libro alcuni anni fa quando ero molto presente sul web e mi scrivevano tanti studenti di fotografia da tutto il mondo chiedendomi consigli. Erano diventati troppi e per riuscire a rispondere a tutti avevo preparato un manuale in pdf che potevano scaricare online e trovare tanti consigli pratici. Il libro è piaciuto molto e hanno cominciato a moltiplicarsi i blog di fotografia che ne parlavano con ottime recensioni. Ho capito che avevo scritto qualcosa di veramente utile quando mi sono accorto che i principali lettori erano fotografi professionisti.

Nessun commento negativo?

Si, due: uno di un ragazzo che avrebbe voluto trovare meno informazioni legate alla pubblicazione e più suggerimenti sullo stile (che adesso ho aggiunto) e uno di un fotoreporter arrabbiato perché non avrei dovuto spifferare certi trucchi del mestiere.

E poi cosa è successo?

Un editore americano ha notato il successo del libro auto-prodotto e mi ha proposto di scriverne una versione molto più ricca e completa per stamparlo e distribuirlo. Ho dovuto lavorare sodo: è una casa editrice importante, molto specializzata ed esigente. Su alcune cose ho dovuto mediare, per esempio per la copertina io avrei voluto usare una foto diversa, ma per il contenuto sono molto contento. Se avessi potuto leggere questo libro all’inizio della mia carriera mi sarei risparmiato tanta fatica!

Ma in Italia si troverà?

Alcune librerie lo avranno e comunque si potrà acquistare su Amazon dove è già in prevendita e si possono anche leggere alcuni dei commenti di chi ha comperato la prima edizione auto-prodotta. Ora, però, il libro è tre volte più grande e completo.

Con il libro sul reportage in uscita, non pensi di proporre anche dei workshop?

Mi hanno chiesto in tanti di insegnare reportage e forse dopo l’uscita del libro ne proporrò uno. Però quello che preferisco insegnare è ritratto. Tra l’altro, in ogni reportage ci sono anche dei ritratti.

Perché ritratto?

Perché è il campo nel quale posso condividere qualcosa che non fanno anche altri. Ho un approccio un po’ particolare al ritratto e lo insegno da parecchi anni, una o due volte l’anno. Vedo i miei studenti cambiare, ricevo i loro commenti e mi sembra la cosa più utile che io possa offrire.

So che i tuoi workshop sono sempre pieni e spesso c’è la lista d’attesa per partecipare…

È vero, a parte un’eccezione l’anno scorso che ha registrato un record di disdette all’ultimo momento per gambe rotte, impegni di lavoro, influenze etc… in genere i miei workshop sono pieni già uno o due mesi prima dell’inizio. Credo che sia dovuto a due fattori: ho un approccio che altri non insegnano e i prezzi sono molto bassi.

Perché hai i prezzi così bassi?

Perché voglio che i miei corsi siano accessibili a tutti. Tanti studenti di fotografia o fotoamatori hanno una grande passione ma… non tanti soldi. In un panorama che propone dei workshop costosi, mi fa piacere che il mio sia abbordabile.

Chi è interessato a partecipare cosa si può aspettare?

Dedico molto tempo alla relazione tra il fotografo e il soggetto. Ci sono esercizi che aiutano i partecipanti ad esplorare e superare le proprie paure ed inibizioni nella loro veste di fotografi ed altri che hanno lo scopo di incrementare la capacità di interagire e comporre rapidamente e intuitivamente l’immagine. Non mi concentro sulla tecnica, schemi di luce e simili. Lavoriamo sulle percezioni, empatia, creatività, composizione, luce naturale… Tutte cose utili per scattare ritratti durante un reportage o anche ritratti posati.

Quando sarà il prossimo workshop di ritratto?

Dal 6 all’8 Maggio 2016 in Toscana, sul sito dei workshop si trovano tutte le informazioni e anche i commenti di chi ha già partecipato.

E per chi è interessato al libro di reportage?

Credo che la cosa più facile sia ordinarlo su Amazon. L’editore mi ha promesso di farmi avere degli sconti per i miei studenti e chi mi segue. Anche se adesso ho chiuso il mio blog e sono molto poco attivo in rete, comunque condividerò tutto su Twitter o Facebook e chi vuole essere sicuro di ricevere informazioni può richiederlo dal sito e sarà sempre aggiornato.

Storytelling for Photojournalists: Reportage and Documentary Photography Techniques è già in prevendita su Amazon (clicca qui)

http://www.enzodalverme.com

http://www.amazon.it/Storytelling-Photojournalists-Documentary-Photography-Techniques/dp/1682030008

http://www.workshop-ritratto.it/camporomano-maggio-2016/

 

Commenti
Read More

VERONA: “BEAUTIFUL” – WORKSHOP GLAMOUR/LINGERIE

Posted on Jan 31, 2016

Master: Roberto Fiocco

Models: Antonella Bolpagni e Natalia Caraghioz

Località: Verona – Releais “La fonte degli dei”

sito web: http://www.lafontedeglidei.eu/

Info & Iscrizioni: format

Sessione Unica

Costo 140€

Orari: 9.00/18.00

Luci: Artificiale

Attrezzatura: Reflex digitale o analogica con focali da 28mm a 200mm Full Frame o da 18 a 35 nei formati ridotti x Aps

Numero minimo di partecipanti:8

Numero massimo di partecipanti 12

Cattura

WORKSHOP GLAMOUR/LINGERIE

Il workshop dedicato al meraviglioso mondo dell’intimo/glamour che affascina da sempre i fotografi di tutto il mondo.

Antonella e Natalia saranno le splendide modelle che poseranno sui set gestiti per luce e composizione dal master Roberto Fiocco.

Intimo e lingerie e ogni forma di arte della seduzione metteranno alla prova estro e inquadrature di ogni partecipante. Sarà una prova fotografica davvero entusiasmante che vedrà i migliori in campo premiati con un workshop (la scelta del workshop gratuito a cui partecipare è totalmente personale di vincitori stessi) gratuito tra i tanti workshop proposti durante l’anno.

La selezione della foto vincitrice: Al termine dell’evento i partecipanti che avranno il piacere di inviare ad Antonella e Natalia almeno 5 foto entro i 15 giorni successivi al workshop, scelte tra quelle che ritengono essere le migliori secondo il proprio gusto, parteciperanno automaticamente al mini concorso e alla selezione della miglior foto della giornata e del workshop!

Le migliori foto scelte dalle modelle, daranno la possibilità ai vincitori di partecipare gratuitamente ad uno dei prossimi workshop che il gruppo propone annualmente.

La scelta delle foto vincitrici verrà fatta dalle modelle in totale e piena libertà dettata dal loro gusto personale.

Le foto inviate saranno pubblicate poi sul sito web del gruppo per essere visualizzate da chiunque lo desideri e potranno essere pubblicate da Antonella e Natalia esclusivamente per scopi promozionali.

ISCRIVITI SUBITO!!!!

Info, contatti e prenotazioni: rfpw@libero.it
Commenti
Read More

“ANIMA DI TERRA” , dall’Armenia del Sud al Nagorno Karabakh, il viaggio fotografico nel Paese che non c’è

Posted on Jan 8, 2016

“ANIMA DI TERRA”

dall’Armenia del Sud al Nagorno Karabakh, il viaggio fotografico nel Paese che non c’è

In collaborazione con Tour Operator Armeno, con il Patrocinio dell’Associazione Nazionale Domiad Photo Network n. 3/2016

viaggio nagorno dominad

Partenza Lunedì 1 Agosto 2016 – 9 Giorni – 8 Notti

Il viaggio comprende:

Volo andata e ritorno (da Roma, Milano, Bologna) – Trasferimento da e per l’aeroporto a Yerevan

Sistemazione in hotel a 4 e 3 stelle con prevalenza di 4 – (Yerevan ****   Stepanakert ****   Goris ***)

Trattamento in pensione completa – Pullman a disposizione per tutto il periodo del viaggio

Biglietti d’ingresso nei siti previsti dal programma – Guida locale in lingua italiana

Assistenza fotografica per tutto il viaggio – Assicurazione di Viaggio

Il viaggio non comprende:

Spese personali (cellulare, mini-bar, bevande ecc) – Bevande alcoliche ai pasti

Extra e mance – E tutto quanto non menzionato nel “viaggio comprende”

Costo del viaggio:

Il costo può, sensibilmente, variare secondo il periodo in cui si acquista il biglietto aereo

Volo con partenza da Roma: Euro 1690,00 (1650,00 con lo sconto) – Supplemento Singola 190,00

Volo con partenza da Milano: Euro 1720,00 (1680,00 con lo sconto) – Supplemento Singola 190,00

Sconto di Euro 40,00 Per i Soci FIAF e Domiad Photo Network

Pagamento: Acconto di 500,00 Euro alla prenotazione – Saldo entro il 30 Giugno 2016

PER IL PROGRAMMA COMPLETO ED INFORMAZIONI CHEDERE A: info@fotoincontro.it

PROGRAMMA IN BREVE

  • 1° Giorno: Ritrovo e partenza dall’Italia per l’Armenia – Pernottamento a Yerevan
  • 2° Giorno: Incontro con la guida, Visita alla città di Yerevan – Pensione completa. Pernottamento a Yerevan
  • 3° Giorno: Khor Virap, Noravank, Karahunge, Goris – Pensione completa. Pernottamento a Goris
  • 4° Giorno: Goris, Shushi, Gandzasar, Stepanakert – Pensione completa. Pernottamento a Stepanakert
  • 5° Giorno: Stepanakert, Karmir Shuka (mercato rosso), Amaras, Goris – Pensione completa. Pernottamento a Goris
  • 6° Giorno: Goris, Tatevavank, Noratus, – Pensione completa. Pernottamento a Yerevan
  • 7° Giorno: Le rovine della cattedrale di Zvartnotz, Chiesa di Santa Hripsime, Cattedrale di Echmiatsin, Quartiere sovietico di Zvartnotz, Vernissage, Gum Yerevan (Mercato della frutta) – Pensione completa. Pernottamento a Yerevan
  • 8° Giorno: Yerevan, Gari, Geghard, Ashtarak, Rya Taza, – Pensione completa. Pernottamento a Yerevan
  • 9° Giorno: Trasferimento all’aeroporto e rientro in l’Italia

PER INFORMAZIONI SCRIVERE A: info@fotoincontro.it

Commenti
Read More