Most Recent Articles

YOURSELF, PROGETTO VINCITORE DI “PHOTOEBOOK: FATTI GUARDARE!” DIVENTA EBOOK

Posted on mar 5, 2015

Emuse pubblica Yourself tratto dall’omonimo progetto, presentato dai tre fotografi bresciani Roberto Massini, Roberto Ricca e Cristian Zambelli, vincitore della prima edizione del concorso fotografico “PhotoeBook: fatti guardare!”, promosso in partnership con FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).

Il volume Yourself è dedicato al tema dell’emarginazione sociale e delle vite di confine. Le cinquanta fotografie presentate sono frutto della frequentazione dei fotografi Roberto Massini, Roberto Ricca e Cristian Zambelli, durata oltre un anno, dell’ex Metallurgica Tempini, complesso industriale dismesso nella città di Brescia. Le premesse del progetto sono state l’approccio etico verso la fotografia, la sensibilità per le questioni sociali e antropologiche e le vite “di confine” e il prezioso strumento del fotogiornalismo e della street photography.

L’obiettivo del progetto, ora diventato un ebook fotografico, è di descrivere la storia della quotidianità di coloro i quali hanno fatto di quest’area una dimora; la loro vita, costellata da privazioni e vorticosi saliscendi emotivi che hanno fatto sì che tale luogo si configurasse come una sacca solida e invisibile di povertà nel cuore di uno dei capoluoghi più ricchi del nord Italia.

 copertina-yourself-definitivaYourself è il terzo volume della collana Portfolio della casa editrice emuse. L’ebook è il risultato dell’intensa collaborazione fra i tre fotografi bresciani, emuse, Sara Munari, responsabile dell’editing fotografico e i due coautori Andrea Panizza e Laura Davì. A questi ultimi va attribuita la paternità dei testi presenti nel volume. Testi che, insieme alle fotografie, regalano e trasmettono non solo frammenti di conoscenza e consapevolezza della storia dell’ex Metallurgica Tempini, ma anche il bagaglio emozionale dei suoi abitanti, delle loro vite attuali e passate: frammenti di storie e di una toccante e precaria convivenza.

 

L’ex Metallurgica Tempini si configura oggi come una città invisibile abitata da persone invisibili. Yourself vuole mostrare che “le traiettorie sghembe e irregolari che hanno portato persone dall’origine e dalla storia diverse a condividere, per un momento della loro vita, questo rifugio raccontano le storie delle nuove marginalità globali. Nella gran parte dei casi, storie destinate a non essere raccontate se non nell’anonimità delle ricerche sociologiche o nel sensazionalismo della cronaca locale” (Andrea Panizza).

 

 

3 marzo 2015

emuse

Cell. 3381179194

info@emusebooks.com

www.emusebooks.com

Read More

I 120 FINALISTI DEL 9° PREMIO ARTE LAGUNA IN MOSTRA

Posted on mar 1, 2015

ARSENALE DI VENEZIA:  I 120 FINALISTI DEL 9° PREMIO ARTE LAGUNA IN MOSTRA
22 marzo – 5 aprile 2015

Inaugurazione sabato 21 marzo, ore 18

Venezia – Torna uno degli appuntamenti più attesi dell’arte contemporanea internazionale emergente: dal 22 marzo al 5 aprile l’Arsenale di Venezia espone infatti le opere dei 120 finalisti del 9° Premio Arte Laguna.

L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 21 marzo dalle ore 18, presso le Tese alle Nappe.

Read More

100 ANNI DI CONFLITTI MESSI A FUOCO DALLA FOTOGRAFIA

Posted on feb 24, 2015

QUESTA E’ GUERRA!

100 ANNI DI CONFLITTI MESSI A FUOCO DALLA FOTOGRAFIA

Padova, Palazzo del Monte di Pietà

28 febbraio – 31 maggio 2015

Ulteriori informazioni e immagini: www.questaeguerra.it

Questa è guerra! racconta un secolo di guerre attraverso oltre 300 immagini , selezionate da Walter Guadagnini, tra le più emblematiche dei diversi conflitti.

Questa è guerra! si può ammirare a Padova, in Palazzo del Monte di Pietà, dal 28 febbraio al 31 maggio 2015, per iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

 L’invenzione della fotografia cambia radicalmente la rappresentazione della guerra: il racconto diventa soprattutto immagine, sintesi, evidenza, emozione, con una diffusone planetaria prima inimmaginabile. La Grande Guerra, la Guerra Civile Spagnola, la Seconda Guerra Mondiale, il Vietnam producono reportages leggendari come quelli di Capa, Cartier-Bresson, Jones Griffith Le guerre recenti, in ex-Jugoslavia, Afghanistan, Iraq e quelle contemporanee in corso in questi giorni in Congo, Palestina, Ucraina sono testimoniate sempre più da cittadini-reporter e da alcuni degli artisti più celebri della contemporaneità. La guerra cambia e la fotografia guarda ad essa con occhi diversi. Questa mostra forte e appassionante documenta in quali modi la fotografia ha raccontato i grandi conflitti del passato e come racconta quelli di oggi. In un percorso ricco, ben documentato, attivamente coinvolgente.

 La mostra – la prima e soprattutto la più grande del genere in Italia – presenta alcune caratteristiche particolari, che la rendono un evento in grado di attirare l’attenzione di un vasto pubblico di appassionati non solo di fotografia, ma anche di storia e di costume.

La scansione è quella cronologica tradizionale, che affronta le varie guerre che si sono succedute nel corso del XX secolo e all’inizio del XXI: la Prima Guerra Mondiale, la Guerra Civile Spagnola, la Seconda Guerra Mondiale, la Guerra d’Algeria, la Guerra del Vietnam, quella serbo-bosniaca, il lungo conflitto medio-orientale, le guerre in diverse parti dell’Africa, l’attacco alle Torri Gemelle e la conseguente Guerra al Terrore e i più recenti focolai in Ucraina e ancora in Medio Oriente. Ma all’interno di queste vicende, sono stati individuati punti di vista particolari, che hanno caratterizzato il rapporto tra la guerra e la documentazione e la narrazione fotografica.

Read More