Nikon D5100: obiettivo creatività

Nikon D5100: obiettivo creatività

Oggi, grazie all’arrivo della Nikon D5100 , il rinnovo della gamma reflex digitali non professionali di casa Nikon risulta finalmente completo. La dotazione, infatti, oltre alla fascia di prezzo abbastanza abbordabile,  permette alla D5100 di brillare due “scelte note” Nikon, ovvero la D3100, l’attuale DSLR entry-level e la semi-pro D7000.

La progressione dei modelli Nikon, infatti, permette di soddisfare tutte le esigenze  dei fotoamatori grazie alla presenza delle D3100, D5100, D7000, mentre la Nikon D90, continua ufficialmente ad occupare il posto che, da sempre, è stato suo di diritto.  C’è da dire però che, anche se  la sovrapposizione di caratteristiche e prezzi in arrivo con i nuovi modelli sembra voler relegare la D90 ad un ruolo puramente “storico” più che d’ammiraglia innovativa dalle visioni futuristiche, la macchina resta comunque un prodotto molto apprezzato dagli amanti del produttore nipponico, e non sono certo pochi.

Tecnicamente, la nuova Nikon D5100, mantiene lo stesso sensore digitale formato APS-C/DX da 16 milioni di pixel della Nikon D7000, garantendo anche ai fotoamatori piu’ esigenti una qualità d’immagine d’alto livello anche se, rispetto alla D7000, si riuncia a tutta una serie di dotazioni non meno importanti come, ad esempio, l’autofocus a 39 punti, il corpo in lega di magnesio o il controllo wireless del flash elettronico. la D5100, comunque, nella sua dotazione di base offre sistemi di tutto rispetto come un’unica ghiera di controllo, mirino a pentaspecchio e possibilità di ripresa video Full HD (a 24, 25 e 30fps utilizzando l’efficiente codec video H.264/AVC) oltre ad un luminosissimo display LCD articolato da 920.000 pixel che,  montato con attacco laterale, in utilizzo risulta essere decisamente più comodo ed elegante rispetto alla D5000.

nikon d5100 8 g1 300x200 Nikon D5100: obiettivo creatività

La Nikon D5100, comunque, piu’ manegevole e gradevole rispetto alla D5000, appare  più vicina alla linea stilistica di D3100 e D7000. Grazie allo studio degli abilissimi ingegneri Nikon, uno dei punti chiave del suo design resta la meravigliosa  articolazione laterale del display posteriore LCD che, montata al posto del più scomodo e sgraziato schermo incernierato in basso, risulta essere davvero una “chicca” molto apprezzata dal pubblico esperto e fotoamatore.

Nonostante il sensore digitale della D5100 sia di ben 16,2 megapixel e il processore d’immagine Expeed2 risponda in maniera impeccabile in ogni situazione, è bene ricordare che Nikon,da sempre, non garantisce pari prestazioni di componenti e software su modelli differenti di fotocamere. I componenti della D5100, infatti, per quanto simili alla D7000 o alla D3100, risponderanno comunque in maniera diversa in ogni situazione di scatto, proprio a causa della diversa taratura e configurazione di fotocamera.

nikon d5100 7 g 300x200 Nikon D5100: obiettivo creatività

Nella D5100, comunque, la gamma di sensibilità ISO resta praticamente uguale alla D7000 con un top tarato a 25.600 ISO e possibilità di scattare in formato RAW a 14 bit di profondità. Non servono zingare per indovinare il segreto dell’incredibile successo di questo nuovo gioiellino di casa Nikon e, senza troppi giri di parole, possiamo finalmente arrenderci all’evidenza d’una qualità indiscussa, data dalla notevole gamma dinamica che questo nuovo sensore riesce a restituire.

Dario Aloja

profilo linkedin: http://it.linkedin.com/pub/dario-aloja/38/b65/110

 

 

 

 

 

 

Aspetta!! Non Andare via, ci sono altri articoli interessanti da leggere in:

About the author

Dario Aloja Autore: Dario Aloja Nato a Napoli, nel 1982, nel quartiere “Arenella“, a metà strada tra il centro storico e la moderna zona collinare, Dario Aloja vive, da subito, le forti contraddizioni di una città divisa tra le nostalgie di un passato di capitale europea e un presente di metropoli labirintica, che ingoia sogni e speranze delle nuove generazioni. Come tanti giovani del terzo millennio, Dario avverte l’abisso che divide l’odierno modello capitalistico, che mondializza i totem tecnologici di una società alienante e disumanizzante, e le ragioni del cuore, il bisogno di gridare al mondo le esperienze del proprio vissuto, le emozioni dell’incontro con “l’altra metà del cielo”. E questo magma incandescente di pulsioni, stati d’animo, sentimenti, affiora in superficie, diventa sfogo lirico, si fa “Pelle Libera“. Dopo la Laurea in Scienze Motorie, Dario inizia la sua esperienza lavorativa come Sales mgmt di prodotti web presso una rinomata azienda grafica partenopea. Grazie ai costanti briefing in azienda, Dario riesce in breve tempo ad acquisire la spigliatezza ed attenzione necessaria a garantire la massima qualità nel seguire le esigenze clientelari. Le ottime capacità redazionali, comunicative e le spiccate doti artistiche (editing e grafica) completano il quadro in sinergia alla perfetta fludità e grande competenza nell’uso del pc, della grafica e del web marketing. Dotato di uno spiccato senso pratico e problem solving orientato al raggiungimento degli obiettivi, Dario arricchisce la sua esperienza nel campo dei media on line lavorando per numerose e importanti testate partenopee e nazionali oltre ad essere caporedattore di un magazine on-line e amministratore di un nascente progetto editoriale.

Read previous post:
Immagine in evidenza_WP
Creazione sfondo per monitor

Vediamo come divertirci a personalizzare lo sfondo del nostro desktop, utilizzando un predefinito Windows, Photoshop e i simboli della squadra...

Close